lunedì 22 marzo 2010

Parliamo di LIBERTà per essere liberi

«La libertà, come principio, non è applicabile in alcuna situazione precedente il momento in cui gli uomini sono diventati capaci di migliorare attraverso la discussione libera e tra eguali.»
John Stuart Mill


Disegno di Patricia Gerace

27 commenti:

  1. La libertà di ognuno finisce dove inizia quella degli altri.Questo secondo me è un principio fondamentale affinchè ognuno abbia garantita la propria libertà e viva nel rispetto degli altri.

    RispondiElimina
  2. per me la libertà è avere sempre la possibilità di scegliere........

    RispondiElimina
  3. La libertà... un concetto così ampio e così profondo che non basterebbero intere enciclopedie per spiegarlo, ma anche in quel caso penso che sarebbe un'impresa impossibile. Quanto alla frase di Mill, credo che davvero il dialogo sia un potente strumento, quando è costruttivo, ma penso anche che prima di chiedersi come raggiungere la libertà bisognerebbe innanzitutto capire cosa sia la libertà e come ho già detto è un'impresa molto molto difficile. In ogni caso credo che non sia possibile arrivare ad una definizione universale di libertà, ma ognuno di noi può solo esprimere che cosa la libertà sia per se stesso. Sembra che la libertà sia il non essere soggetto a condizionamenti esteriori, per me in realtà i condizionamenti derivano soprattutto dall'interno. E' la nostra stessa mente che ci condiziona, è il nostro carattere e la nostra conoscenza. Molte delle cose che non facciamo perché non ci sentiamo liberi di fare dipende solo dal fatto che noi stessi ci limitiamo per paura di quello che potrebbero pensare gli altri. Penso che se ognuno di noi riuscisse a prendere delle proprie decisioni senza farsi condizionare, allora prenderebbe in mano la propria vita e così sarebbe libero.

    RispondiElimina
  4. Carissimi Alunni, mi fa piacere parlare con voi di libertà... vorrei che voi esprimeste il più liberamente possibile le vostre idee... per quanto mi riguarda, in questo post, mi limiterò a pubblicare le parole dei "padri" senza fare commenti personali.... a presto e scrivete numerosi....
    "Prendo tempo per guardare e ascoltare perché questo educherà il mio cuore" ( Anthony de Mello)

    RispondiElimina
  5. la libertà è una cosa bellissima e fondamentale nella vita di ognuno.è un obbiettivo per il quale vale la pena lottare....

    RispondiElimina
  6. "Non mi pento dei momenti in cui ho sofferto;porto su di me le cicatrici come se fossero medaglie,so che la libertà ha un prezzo alto quanto quello della schiavitù.L'unica differenza è che si paga con piacere e con un sorriso..anche quando quel sorriso è bagnato dalle lacrime".Riporto le parole di Paulo Coelho perchè mi sono sembrate cariche di significato e capaci di esprimere l'alto valore della libertà.Siamo figli di una società,per molti aspetti,sviluppata ed evoluta ma...siamo davvero liberi?Libero è colui che agisce senza costrizioni o controlli,seguendo la propria volontà;colui che non si lascia "incatenare" nè dalla mentalità comune nè da se stesso.Purtroppo il contesto in cui viviamo,a volte,ci impedisce di esprimere quello che siamo realmente perchè rischiamo di essere "etichettati" come diversi ,e questo ci spaventa.Secondo me bisogna lottare e anche soffrire,come afferma P.Coelho,perchè la libertà ci venga riconosciuta come nostro,inalienabile,diritto!

    RispondiElimina
  7. Luana Pinneri30 marzo 2010 13:40

    Il 1 gennaio 1948, è entrata in vigore la Costituzione, nella quale c'è una sezione dedicata ai “Diritti e doveri dei cittadini”, qui troviamo soprattutto delle regole riguardanti la “libertà” cioè la libertà di pensiero, la libertà alla vita privata, libertà religiosa, morale, economica, giuridica, politica. Tutto questo è stato fatto perché ogni individuo possa decidere ciò che gli sembra più giusto, usando così la propria volontà per scegliere, fare una decisione ecc… Ogni individuo ha un proprio concetto di libertà, ma la libertà un uomo l’acquista vivendo e crescendo. Oggi come oggi vediamo che alcune persone hanno la libertà di vivere negata, soprattutto quelle persone di “colore diverso” dagli italiani, come possiamo vedere i mass-media ogni giorno ci raccontano alcuni fatti di cronaca proprio sulla libertà negata. Comunque io credo che la libertà è molto importante, non deve essere negata a nessuno, con la nostra umanità a mio avviso dovremmo cancellare in quei profughi il ricordo delle privazioni sofferte sotto il regime comunista ed essere fieri di aiutare chi è in difficoltà e vergognarci di negare agli altri quello che non vorremmo fosse negato a noi in un momento di reale bisogno.

    RispondiElimina
  8. Libertà! Già al tempo della Creazione, secondo i testi biblici, Adamo ed Eva sono stati posti di fronte al dilemma di scegliere “ liberamente” dei comportamenti che avrebbero poi avuto, sempre secondo i testi sacri, conseguenze sulla futura umanità.
    Per la libertà questa umanità ha combattuto, i popoli si sono scontrati, senza trovare tuttavia, un punto di arrivo, una “definizione” da tradurre in leggi, comportamenti validi per tutti e da tutti attuabili.
    Il discorso sulla libertà ci porterebbe molto lontano e sicuramente non arriveremmo mai ad una definitiva definizione di essa.
    Semplicemente, rifacendomi al pensiero di Noemi, posso dire che la libertà è qualcosa che dobbiamo cercare dentro di noi, liberi di credere in ciò che crediamo .
    Ma perché ciò sia possibile dobbiamo combattere per essere liberi dal “bisogno”, dalle “ideologie” e da tutte le “credenze”che limitano la nostra libertà interiore.
    Auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina
  9. caro professore,nel leggere i pensieri dei compagni vedo che emergono concetti di libertà sotto ogni suo aspetto...beh la cosa di cui subito mi sono resa conto è che sostanzialmente non conosco affatto cosa significhi libertà...davvero...molte volte parlo di libertà ma in realtà non so cosa significhi forse perchè non ho avuto esperienze che mi facessero capire quanto fosse importante essere consapevoli di essere liberi...sono contenta dunque perchè dal confronto con le opinioni dei miei compagni sicuramente potrò trarre idee,pensieri,per poi poterne dare un mio di libertà perchè credo che nonostante il notevole sviluppo della società in cui oggi stiamo,secondo me,noi tutti non viviamo assolutamente da persone libere..siamo semplicemente creatori di tecnologie sempre più all'avanguardia che tuttavia ci rendono schiavi di loro stesse..non abbiamo più relazioe con gli altri perchè spesso si preferisce star davanti ad una macchina che in fondo è l'unica amica rimastaci...credo che questo sia un esempio di come si viva senza la libertà ma che tuttavia ci fa molto comodo..proprio per questo sono molto confusa perchè non mi rendo conto di quanto sia importante sapere cosa sia la libertà oggi...

    RispondiElimina
  10. Veronica Pillari31 marzo 2010 11:56

    Abbiamo diversi tipi di libertà:di pensiero,di parola, di azione e tutte possono essere messe a tacere dall'"amorevole tutela" del potere. In passato sono state molte le violenze fisiche e piscologiche subite a causa di un pensiero espresso, solo perché questo era scomodo per qualcuno, e ciò ancora tutt'oggi non può essere tollerato innazitutto perché siamo in una democrazia, dove a prendere le decisioni è il popolo e non un unico rappresentante, in secondo luogo perché ormai con lo sviluppo della tecnologia è quasi impossibile non permettere ad una persona pensante di esprimersi. Lo stesso Kant affermeva che la libertà di pensiero è la capacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro, dunque è un nostro diritto esprimere noi stessi senza che nessuno ce lo vieti. A mio parere, essere privati di questa libertà è una delle più atroci violenze che l'uomo possa infliggere ad un altro induviduo: sarebbe come se lo anullasse, come se non fosse mai esistito. In fondo sappiamo che tutti i grandi della storia sono diventati tali solo perché hanno avuto il coraggio di esprimere se stessi andando in contro al rischio di perdere la loro stessa vita. Dunque l'unica speranza che il mondo ha di cambiare la condizione attuale e tutto il resto è quella di esprimersi attraverso la parola e non attraverso atti di violenza o di esuberanza............! Basterebbe poco, anche partendo dalla vita quotidiana, incominciando a dire tutto ciò che non va bene al nostro modo di essere e così avremmo anche un'esistenza migliore.

    RispondiElimina
  11. ciao prof sono Maria Adele di 3A, secondo me la libertà è una parola che porta dietro con sé anni di battaglie,lotte, manifestazioni.... è uno dei principi per cui uomini valorosi hanno dato la propria vita, ricordiamo Nelson Mandela o M. Gandhi il quale diceva: "non vale la pena avere la libertà se questo non implica avere la libertà di sbagliare". Purtroppo nel mondo in cui viviamo è importante l'integrazione e qualche volta perdiamo di vista questo valore essenziale come l'acqua,l'aria che respiriamo (mai inquinarla) e non pensiamo mai alla libertà come uno straordinario diritto, siamo liberi e basta. Però molto diversa è la situazione di altri paesi che sono invece sotto dittatura. Secondo me, per capire cosa si intende per libertà dobbiamo pensare a ciò che significa e comporta la capacità di scegliere. Però da come si parla oggi, sembra che andare a 100 all'ora ubriachi sia libertà perchè a volte chi è troppo libero commette degli sbagli ed è bene avere dei limiti nella vita altrimenti la libertà diventa libertinaggio. Si va a ricercare la libertà quando tutto ai nostri occhi appare una prigione. Quando tutto dipende dal dire o dal fare qualcosa. Quando non ci piace più nulla e non capiamo nemmeno l'importanza di ciò che ci offre la vita ogni giorno. Ma la vera libertà vuol dire fare ciò che si vuole, nel rispetto degli altri. Solo quando qualcuno prevaricherà le nostre esigense,le nostre scelte,il nostro futuro, significa che abbiamo perso la nostra libertà allora faremo di tutto per riconquistarcela e la custodiremo come il regalo più prezioso che qualcuno ci abbia mai fatto come l'amore e la vita.

    RispondiElimina
  12. Chiara III A

    Sono molti gli sforzi che l’uomo ha fatto affinché abbia la libertà di dire, di pensare, di agire come il suo pensiero comanda…A questo scopo possiamo enunciare delle persone che, nel corso della storia, hanno dato la vita pur di essere liberi e di far libero il proprio popolo. Gandhi è stato un esempio ammirevole di uomo che lottò con le proprie forze per dare all’India la libertà. Egli, a mio parere, disse una cosa molto bella e giusta: ” non vale la pena di avere la libertà, se questo non implica avere la libertà di sbagliare” … E che cos’è la libertà per l’uomo se non il bene più prezioso…? C’è chi pensa che il denaro faccia l’uomo autorevole, ebbene io penso, invece, che lo faccia schiavo, poiché :”ricchezza e povertà limitano in egual misura la libertà dell’uomo”. Come diceva Platone, infatti : “la libertà consiste nell’essere padrone della propria vita e nel fare poco conto delle ricchezze” . Al giorno d’oggi nessuno fa molto caso al concetto vero e proprio di libertà. Ma in fondo che cos’è davvero la libertà per l’uomo? Sul vocabolario c’è scritto che il termine libertà significa “essere libero” , ma libero da che cosa? Possiamo notare come l’uomo è sempre più schiavo delle convenzioni sociali…Basti soltanto notare le piccolezze che abbiamo davanti agli occhi, al fine di dimostrare che in fondo l’uomo non è pienamente libero. Pensiamo ad esempio a quei ragazzi che hanno paura di esprimere la loro opinione per paura di non essere accettati, o a chi segue la moda per paura di essere espulsi dal gruppo...dov’è la libertà per loro? A mio parere un uomo è veramente libero quando riesce a vivere la vita come vorrebbe e non come gli altri vorrebbero che quest’ultima fosse vissuta…

    RispondiElimina
  13. TUTTE BELLE PAROLE... MA SCUSATE SE VE LO DICO... MA PER VOI, LA LIBERTA', CHE COS'E'?

    Quand'è che vi sentite liberi?

    NON DIMENTICATE MAI
    QUANTO LA TERRA GODA
    A SENTIRE I VOSTRI PIEDI NUDI
    E QUANNTO IL VENTO ABBIA VOGLIA
    DI GIOCARE COI VOSTRI CAPELLI.

    NON SONDATE LE PROFONDITA'
    DELLA CONOSCENZA IN VOI
    CON ASTA E SCANDAGLIO.
    PERCHé IL VOSTRO IO
    è INFINITO E SCONFINATO MARE.

    (Gibran, Il Profeta)

    E ADESSO LIBERATEVI... CARI ALUNNI... E PARLATE DELLA VOSTRA LIBERTà....

    RispondiElimina
  14. La libertà è uno dei valori più importanti nella vita..essere liberi può voler dire infinite cose..ognuno ha il suo concetto di libertà e ognuno la vive come meglio crede..ad esempio io mi sento libera nel momento in cui cammino sulla mia terra e ho la possibilità di ascoltare sentire e vedere tutto quello che mi tiene in vita: il sole, l'aria, il vento, l'acqua, la terra,gli alberi ecc...guardare un tramonto ad esempio mi fa sentire libera da tutti i pensieri e da tutti e problemi che mi creo...i colori che si creano nel cielo mi fanno capire che basta poco per colorare la propria vita, la strada dorata che si viene a creare sul mare mi aiuta a vedere la mia di strada..oppure sentire il vento leggero e il sole su di me che riscalda il mio corpo, circondata dal verde delle montagne, mi fa sentire libera dalle catene del mondo, delle cose materiale e tutto ciò mi aiuta a riflettere e a capire che a volte sono proprio io a crearmi delle catene privandomi della libertà...e ancora cosa importante mi sento liberà quando riesco a parlare e a dire ciò che penso, ciò che sento in ogni momento(certo senza però fare del male agli altri)e ancora cosa molto molto più importante quando riesco ad essere me stessa!! però ancora io non mi sento libera perchè non sono riuscita a liberare me stessa, la vera me!! non so cosa sia davvero la libertà non la conosco ancora...dico ancora perchè dovrò per forza un giorno conoscerla, dovrà per forza arrivare il giorno in cui il vero IO si libererà dalle catene dalle quali adesso è circondata...sì per forza io DEVO conoscere la libertà perchè vivere imprigionata per tutta la vita non mi va! Devo ancora capire però quale è la chiave che mi liberi dalle catene della paura e dalla mancanza di fiducia in me e negli altri! Io penso che la libertà sia tutto questo e chi è libero è la persona più fortunata di questo mondo!!!!

    RispondiElimina
  15. Ben detto... grazie mille per questo interessante contributo...

    RispondiElimina
  16. salve prof!sono margherita secondo me ci sono pochissime persone che si possono ritenere libere perchè per libertà si intendono diversi concetti...libertà di vivere, libertà di scelta, libertà di dire o fare ecc... beh ci sono persone che magari hanno la libertà di vivere ma non di scegliere tuttavia un uomo può ritenersi libero nel momento in cui non è sottoposto a nulla oltre che alla propria volontà...

    RispondiElimina
  17. Libertà...uno dei pochi concetti fondamentali della nostra esistenza!Ognuno di noi, me per prima, si lamenta per la sua mancanza ma non ci rendiamo conto che nel 90% dei casi la nostra mancanza di libertà deriva da noi stessi!Essa deriva principalmente dalla paura che ci nega ogni possibilità di esprimerci e ci condanna a una vita scelta dagli altri. La libertà è liberarsi dalle proprie paure, è alzare la testa e camminare per la propria strada incuranti di coloro che fanno di tutto pr distruggerci,è continuare a camminare nonostante tutto stando però attenti a non limitare la libertà degli altri!

    RispondiElimina
  18. Carmen e Giovanna6 aprile 2010 16:58

    Il diritto alla libertà di pensiero e di espressione esiste sin dalla creazione dell’uomo. Infatti anche Dio ha dato all’uomo il “libero arbitrio” cioè la libera scelta di seguirlo.

    Libertà vuol dire essere se stessi, libertà vuol dire non lasciarsi influenzare... soltanto quando impareremo a pensare ed a scegliere con la nostra testa potremo dirci liberi. Come scrive Isaiah Berlin: “ L’essenza della libertà è sempre consistita nella capacità di scegliere come si vuole scegliere e perché così si vuole, senza costrizioni o intimidazioni, senza che un sistema immenso ci inghiotta e nel diritto di resistere, di essere impopolare, di schierarti per le tue convinzioni per il solo fatto che sono tue. La vera libertà è questa, e senza di essa non c’è mai libertà, di nessun genere, e nemmeno illusione di averla”.

    Il concetto di libertà varia da età ad età e da persona a persona. Per esempio, noi giovani ci sentiamo liberi, anzi ci sentiremo liberi soltanto quando cominceremo a non curarci del giudizio che hanno di noi ”gli altri”. Perché, purtroppo, anche se non vogliamo saremo sempre loro succubi.

    Per sentirsi liberi soltanto qualche oretta basta anche un semplice giro in bici, per esempio. Secondo noi il vero mezzo con il quale l’uomo può raggiungere la libertà interiore è la bicicletta. Non sappiamo se tutti hanno provato la nostra stessa sensazione ma, noi quando siamo in bici ci sentiamo liberi da tutto e da tutti. E voi invece, quando o con quale mezzo vi sentite liberi?

    RispondiElimina
  19. Beh... ragazzi, rispondete... io sono d'accordo con Carmen e Giovanna... la bicicletta è una delle mie migliori amiche... buona pedalata....

    RispondiElimina
  20. "Nulla al di fuori dei nostri pensieri è interamente in nostro potere". Come afferma Cartesio, l'unica vera forma di libertà è quella del pensiero, giacchè l'uomo viene sempre condizionato in maniera positiva o negativa dall'esterno. Genericamente per libertà si intende la condizione per cui un individuo può agire senza costrizioni, usando la libertà e ricorrendo a una libera scelta. L'uomo moderno può considerarsi "libero" sotto il punto di vista burocratico in quanto libero di scegliere, professare la propria religione e esporre la propria idea. Ma sotto altri punti di vista, l'uomo è schiavo, schiavo della comodità e della tecnologia. Libertà è anche dove si nasce (intendo anche come luogo geografico), si cresce, si vive. Galileo, Bruno, Campanella, e i moderni Gandhi, Mandela, Martin Luther King, grandi uomini che hanno lottato sacrificando la loro vita per portare avanti le loro idee..meno male che ci sono stati!
    Olga Valeria Zagari 4a Bs

    RispondiElimina
  21. Libertà … oggi professore voi ci fate riflettere su un argomento molto importante e molto complicato come dice Charles Bukowski “L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci, soprattutto perché provi un senso di benessere quando gli sei vicino.” Essere liberi è un’emozione troppo grande per essere descritta e per essere rinchiusa in un'unica parola … Secondo me un uomo è libero solo se ha la libertà di decidere da solo, non senza occuparsi del giudio altrui… questo però non è sempre possibile, perché noi stessi ci spaventiamo di quello che magari può pensare la gente che ci circonda e, facendo così, finiamo nel silenzio, nella solitudine e con la paura che ci soffoca ogni giorno quando dobbiamo affrontare delle situazioni importanti.
    La libertà è anche forza, secondo me, perché se si è forti si ha il coraggio di ribellarsi a tutto ciò che viene imposto dagli altri… E se si ha la forza di lottare per tutto quello in cui si crede, allora solo in quel momento si è veramente liberi di vivere la propria vita... La libertà è una sfida con noi stessi, essa può essere facile, difficile, piacevole spiacevole, però se è quello che noi vogliamo o crediamo nessuna sfida è vana… “Non mi pento dei momenti in cui ho sofferto; porto su di me le cicatrici come se fossero medaglie, so che la libertà ha un prezzo alto, alto quanto quello della schiavitù. L'unica differenza è che si paga con piacere, e con un sorriso... anche quando quel sorriso è bagnato dalle lacrime. ”Paulo Coelho... ho voluto citare questo pensiero perché credo che questo sia profondo, molto importante: colui che lotta fino in fondo per le proprie idee, anche se poi viene sconfitto, non si pentirà mai perché ha lottato per quello in cui ha creduto e quindi una lacrima sarà poi una lacrima di felicità…
    Io penso anche che pedalando con la bici si scarichi l’adrenalina e quindi ci si carica di forza per continuare ad andare avanti… anche se io personalmente preferisco guardare il mare e lasciarmi accarezzare dal vento… questa sensazione mi fa sentire libera e viva, libera di vivere e di combattere tutte le difficoltà che la vita ci presenta ogni giorno…

    MARIANGELA PANUCCIO

    RispondiElimina
  22. Bene, vedo che la nostra conversazione si fa sempre più interessante... continuiamo a scrivere...

    RispondiElimina
  23. Ciao prof sono katia di 3A, mi scusi per il ritardo con cui le scrivo ma ho avuto un po' di problemi con il pc che non mi apriva il blog..comunque ora è tutto risolto,comincerei col dire cosa non è la libertà. La libertà, anzitutto, non corrisponde a uno stato giuridico. Essere liberi, insomma, non vuol dire non essere schiavi. Essere liberi, inoltre, non vuol dire essere ricchi. La nostra società ci illude, dicendoci che se potremo soddisfare ogni nostro capriccio, saremo liberi. Io invece sono convinta che una persona povera, a condizione che abbia almeno di che mangiare, può essere più libera di un ricco. Oggi, pur essendo formalmente liberi, corriamo il rischio di essere schiavi, per esempio , di una moda, della pubblicità o di una mentalità imposta dai talk-show. Per me, quindi, libertà è avere il coraggio di controbattere, di fronte al conduttore di turno, che ti fa sentire in colpa perché sei contro le tendenze più moderne. Libertà per me è difendere il valore della famiglia mentre in quel talk-show, per esigenze di spettacolo o ideologiche, vengono prospettati altri tipi di unioni o di scelte di vita, che non hanno niente a che vedere con il mio modo di intendere la famiglia. Libertà e battersi per certi valori in cui si crede.La natura della consapevolezza umana è la libertà assoluta. Quando dico libertà assoluta, voglio dire che sei libero in ogni momento di essere ciò che decidi. Nulla ti trattiene contro te stesso. Finora puoi essere stato un santo e aver vissuto in castità...ma in questo stesso istante puoi cambiare: puoi gettar via il tuo celibato e innamorarti di una donna o di un uomo.Devi riaffermare le tue decisioni, riviverle ancora e di nuovo. E in qualsiasi istante le puoi abbandonare. L'esistenza precede l'essenza...quando un uomo nasce, è pura libertà. Non possiede essenza ma solo esistenza. In seguito sceglierà la propria essenza, cioè chi avrà intenzione di essere, ma si tratterà di una sua scelta. Tutti gli uomini cercano la propria felicità nella vita. L'idea stessa di unire le proprie forze fondando una comunità porta come conseguenza una serie di limitazioni alla propria libertà. Non è più vero che possiamo fare tutto, ma invece dobbiamo limitarci a fare quello che non danneggia gli altri. Più la nostra posizione è importante, vicina al vertice della società, maggiori sono le nostre limitazioni, perché maggiore è il numero delle nostre azioni che danneggerebbero gli altri. In questo senso il barbone è più libero, perché nulla di quello che è in grado di fare gli viene precluso. Il capitano di industria, invece, non può prendersi più di 15 giorni di vacanza. Secondo me è importante sentirsi liberi anche quando il nostro ruolo nella società ci impone di agire in un unica maniera. Avremo allora raggiunto un equilibrio fra libertà e doveri, che è la base per essere felici. Per me, in particolare, è fondamentale seguire le mie passioni. Se il mio ruolo mi impedisse di ascoltare la musica che preferisco..... Beh non potrei mai essere felice del mio ruolo, non le pare?
    PS. A proposito di musica, c’è una canzone che parla di libertà: si chiama “Libero” di Fabrizio Moro..le consiglierei di ascoltarla perché è davvero bella!

    RispondiElimina
  24. "Come posso ottenere la liberazione?"
    "Scopri chi ti ha imprigionato", rispose il maestro.

    Il discepolo tornò dopo una settimana e disse:
    "Nessuno mi ha imprigionato".
    "Allora perché chiedi di essere liberato?"

    Quello fu un momento d'illuminazione per il discepolo che improvvisamente divenne libero.
    (Anthony de Mello)

    RispondiElimina
  25. Testo della canzone di Fabrizio Moro

    LIBERO

    Mi domando perché quando vivi aspettando
    un giorno passa lentamente come fosse un anno
    Mi domando perché non sono nato nel 50
    Avrei saputo cosa fare io negli anni 70
    Mi domando se sei mia oppure fai finta
    E se alla fine dei fatti essere onesti conta
    Mi domando se la storia è stata scritta dagli eroi
    O da qualcuno che pensava ai cazzi suoi
    Mi domando perché mi fa schifo la mia faccia
    A volte si e a volte no
    Perché a volte voglio avere solo quello che non ho
    Mi domando soltanto perché
    Gesù Cristo è morto in croce per me

    Voglio sentirmi libero da questa onda
    Libero dalla convinzione che la terra è tonda
    Libero libero davvero non per fare il duro
    Libero libero dalla paura del futuro
    Libero perché ognuno è libero di andare
    Libero da una storia che è finita male
    E da uomo libero ricominciare
    Perché la libertà è sacra come il pane
    E’ sacra come il pane

    Mi domando perché pensare troppo mi turba
    E se una volta almeno mio padre ha fumato l’erba
    Mi domando se avrò un figlio
    E se mio figlio mi odierà
    Perché purtroppo si odia
    Chi troppo amore ci da
    Mi domando se la mia è una vita felice
    E so rispondere solo che mi piace

    Voglio sentirmi libero da questa onda
    Libero dalla convinzione che la terra è tonda
    Libero libero davvero non per fare il duro
    Libero libero dalla paura del futuro
    Libero perché ognuno è libero di andare
    Libero da una storia che è finita male
    E da uomo libero ricominciare
    Perché la libertà è sacra come il pane
    E’ sacra come il pane

    Libero perché ognuno è libero di andare
    Libero da una storia che è finita male
    E da uomo libero ricominciare
    Perché la libertà è sacra come il pane
    E’ sacra come il pane

    RispondiElimina
  26. Ma Moro parla di libertà o di fuga?... provate a fare un confronto con questa:

    http://www.youtube.com/watch?v=WYAIgWu_VXI

    La libertà
    Giorgio Gaber
    (1972)

    Vorrei essere libero, libero come un uomo.
    Vorrei essere libero come un uomo.

    Come un uomo appena nato che ha di fronte solamente la natura
    e cammina dentro un bosco con la gioia di inseguire un’avventura,
    sempre libero e vitale, fa l’amore come fosse un animale,
    incosciente come un uomo compiaciuto della propria libertà.

    La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche il volo di un moscone,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione.

    Vorrei essere libero, libero come un uomo.
    Come un uomo che ha bisogno di spaziare con la propria fantasia
    e che trova questo spazio solamente nella sua democrazia,
    che ha il diritto di votare e che passa la sua vita a delegare
    e nel farsi comandare ha trovato la sua nuova libertà.

    La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche avere un’opinione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione.

    La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche il volo di un moscone,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione.

    Vorrei essere libero, libero come un uomo.
    Come l’uomo più evoluto che si innalza con la propria intelligenza
    e che sfida la natura con la forza incontrastata della scienza,
    con addosso l’entusiasmo di spaziare senza limiti nel cosmo
    e convinto che la forza del pensiero sia la sola libertà.

    La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche un gesto o un’invenzione,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione.

    La libertà non è star sopra un albero,
    non è neanche il volo di un moscone,
    la libertà non è uno spazio libero,
    libertà è partecipazione.

    Da "Dialogo tra un impegnato e un non so"

    RispondiElimina
  27. ciao prof sono Pinuccia M. di 3A...Credo che la libertà racchiuda un concetto troppo grande da spiegare.Il concetto di libertà si riferisce ad un molteplicità di cose:libertà di parola,di religione,di modo di essere,di idee ecc...però libertà dovrebbe significare anche rispettare l'altro nel rispetto di noi stessi.Ognuno di noi dovrebbe lasciare vivere l'altro rispettandolo nel suo essere persona.Solo perchè una persona ha il colore della pelle diverso dalla nostra,o perchè crede in un altro Dio e vive secondo una cultura diversa non deve essere perseguitato.L'uomo ha dovuto guadagnarsi la propria libertà combattendo dolorose battaglie come quella della schiavitù.Ancora oggi libertà non è un concetto assoluto perchè in molte parti del mondo si è ancora prigionieri degli uomini,dei pregiudizi della società e delle idee distorte di alcune religioni;mi riferisco soprattutto alle donne e ai bambini che in queste parti del mondo devono limitare la loro libertà per compiacere il potere maschile.Credo che Dio ci abbia fatti nascere come esseri liberi e quindi nessuno ha il diritto di privare l'altro di questo grande dono,al contrario ognuno di noi dovrebbe imparare a custodirlo come un bene prezioso da tramandare alle generazioni successive nella speranza che si costruisca un mondo migliore.

    RispondiElimina